Una domenica partita come altre. Una domenica che poi è diventata una domenica speciale.

Questa mattina, poco prima delle undici, uno degli operatori della seggiovia Sole di Piancavallo ha allertato via radio la nostra squadra di soccorso presente in stazione: una persona si era sentita male.

Il nostro Corvo è arrivato sul posto e poco dopo BenBen, hanno valutato la scena ed hanno richiesto l’arrivo del DAE (defibrillatore automatico esterno). In dieci minuti dalla prima chiamata, Bilu li ha raggiunti con il DAE mentre Corvo stava già eseguendo il massaggio cardiaco esterno sulla persona a terra.

Senza interrompere l’opera di CorvoBilu ha acceso il DAE e collegato le sue piastre al torace del soggetto. Il DAE annuncia “Analisi in corso…” mentre tutti i soccorritori si distaccano dalla persona e poi annuncia “Shock indicato. Carica in corso… Premere il tasto lampeggiante!” e conclude con “Shock erogato, è possibile toccare il paziente”. I nostri hanno ripreso immediatamente il messaggio cardiaco esterno.

image-2 image-1

La sequenza si è ripetuta per tre volte. Alla terza scarica la persona ha iniziato a mostrare segni di ripresa, nel frattempo alcuni medici che stavano sciando si sono uniti alla squadra di soccorso.

Con l’aiuto dei militari dell’Arma dei Carabinieri e della motoslitta a loro disposizione, il soggetto è stato trasportato presso la sede della guardia medica dove è stato atteso l’arrivo del personale dell’Elisoccorso, che ha raggiunto la stazione nonsotante le condizioni meteorologiche critiche grazie alla perizia ed alla competenza del pilota.

Il personale medico del Servizio di Emergenza, visitato il soggetto, ha ritenuto opportuno mantenere il DAE collegato e trasportarlo presso l’ospedale di Pordenone con l’autoambulanza in modo da poter scaricare nuovamente in caso di necessità.

Al momento della ripartenza, il medico dell’elicottero ha fatto i complimenti a tutti quanti hanno partecipato all’intervento per aver svolto correttamente le procedure corrette.

Grazia a tutti per un buon e fruttuoso lavoro di squadra: gli operatori di Promoturismo, i Carabinieri, i medici “di passaggio” ed i nostri soccorritori e pattugliatori.