Nel normale avvicendamento dei turni, sabato e domenica scorsi a Piancavallo hanno prestato servizio Vanessa e Anna, vale a dire due fanciulle assieme nelle stesse giornate, anche se a turno in realtà “smontavano” da un servizio gara.

Il servizio di soccorso, infatti, non è solo ‘cosa per uomini duri’ ma può essere svolto tranquillamente anche da una ragazza. La conoscenza delle procedure consente di svolgere il proprio compito pur senza essere dotati di fisico da palestrati.

La presenza femminile per il momento non è numericamente rilevante all’interno di FISPS ma contiamo di aumentare il nostro numero, visto che già tra gli aspiranti alla partecipazione al prossimo corso soccorritori vi è qualche ragazza.

Per chi avesse ancora qualche dubbio, chiedere ad Anna come vanno le cose, visto che presta servizio dal 2005 e può contare su numerosi attestati di apprezzamento per il lavoro svolto.

Le due giornate di servizio “in rosa” si sono svolte normalmente, con alcuni interventi non eccessivamente impegnativi, portati a termine dalla squadra “più rosa”, con l’usuale contributo dei Carabinieri presenti a Piancavallo.

Una foto per ricordare due giornate … un po’ particolari.

Anna e Vanessa sul piazzale del rifugio Arneri