Lo scorso 19 giugno la Stazione sciistica di Piancavallo ha ospitato un evento rivolto ai praticanti della Mountain Bike Downhill, discesa lungo tracciati allestisti sulle piste da sci e sulle aree limitrofe.

All’evento erano presenti circa 200 partecipanti che sono scesi lungo i due tracciati, downhill lungo la pista Salomon e freeride lungo le piste Nazionale-Tublat.

FISPS-fvg era presente con una squadra di quattro persone. La mattina è iniziata incontrando il team di GIVAR-Gruppo Infermieri Volontari Assistenza Rapida con i quali sono stati presi accordi sulle procedure operative da adottare in  caso di richiesta di soccorso. Svolta anche la verifica allo stato e la presenza dei materiali, FISPS-fvg si è preparata a rispondere alle chiamate.

La giornata è trascorsa in modo tranquillo, senza la presenza di chiamate e c’è stato il tempo per riflettere sulle caratteristiche di questa nuova esperienza che potrebbe diventare “qualcosa di più” di un evento spot.

“…e come la fissiamo la tavola spinale sul pianale del pick-up?” è una delle domande che la squadra si è posta. Abituati all’akja per il trasporto a valle degli infortunati era necessario valutare quali sono le accortezze necessarie a garantire lo stesso livello di sicurezza al trasferimento a valle con il mezzo messo a disposizione dalla Stazione sciistica.

In questo ragionamento si è inserito anche Enzo Sima, che aveva raggiunto il rifugio Arneri per assicurarsi di persona che tutto fosse in ordine. Prima di scendere ha invitato FISPS a proporre uno studio per il materassino da installare sul pianale dei pick-up sia per attutire gli scossoni del tragitto sia per ancorare la tavola spinale.

Alle cinque e mezza si è chiusa la giornata. Rendez-vous con il team di GIVAR per le ultime sulla giornata e via a casa.