Con molto rammarico, visto tutto il tempo che ho speso, il lavoro effettuato e le telefonate per organizzare bene l’evento di Ravascletto, mio malgrado è stato necessario disdire il week end di metà marzo. Stesso epilogo anche per la giornata formativa con i bambini prevista per domani a Tolmezzo (disdetta stamattina).

Preciso subito che le cause non sono da imputare alla nostra associazione che anzi, ha fatto capire molto bene quali siano le proprie potenzialità in termini organizzativi, di competenze professionali e di contatti per poter organizzare un grande evento.

Purtroppo però non è stato sufficiente, è necessario infatti lavorare in squadra dove ognuno deve occuparsi di un preciso compito altrimenti si rischia di combinare un disastro.

Come ho già avuto modo di dire e scrivere diverse volte, il progetto didattico è una cosa troppo importante per rischiare di mandare tutto all’aria e perdere di credibilità, quella che la nostra Federazione si è conquistata negli anni. Non c’erano le basi per proseguire seriamente e quindi ho proposto coraggiosamente di abbandonare e di rivalutare la cosa per il prossimo anno.

Alcuni partner hanno subito appoggiato la mia decisione, come se avessero realizzato solo in quel momento, l’importanza della festa che si stava organizzando, mancando invece le necessarie coperture finanziarie.

Grossa delusione anche tra gli operatori di zona che speravano nel progetto e ci contavano, vista l’originalità della proposta.

Sicuramente il prossimo anno si ripartirà a ragionare con altre prospettive e credo anche con diversi interlocutori. Per il momento abbiamo gettato il sassolino nello stagno.

Il sottoscritto, ma in generale noi gruppo FISPS-Fvg ci troveremo sempre tra i principali attori, grazie alle idee ed il nostro progetto, che in diversi avevano sposato comprendendone le peculiarità. Un particolare ringraziamento agli amici Igor e Piero!

Esco sconfitto, ma perdo una battaglia e non la guerra!