L’assemblea ordinaria tenutasi domenica 28 ottobre 2012 presso la sede di Pordenone ha eletto all’unanimità il nuovo presidente FISPS-Fvg che per il prossimo triennio sarà Roberto Fregonese.

L’intera Associazione ed il Consiglio Direttivo desiderano ancora una volta ringraziare il tempo che è stato dedicato dal precedente Presidente Giuseppe Domenico Badia. E’ stato spiegato, che il suo lavoro è stato molto importante perché ha avuto il compito di traghettatore di Fisps-Fvg verso la costruzione di una nuova realtà, fondata su nuovi principi ai quali dovrebbe ispirarsi qualsiasi associazione di volontariato.

Nell’area riservata (Download/Area Utenti Registrati) troverete le belle parole che il dott. Badia ha deciso di scrivere a testimonianza di una scelta certamente ponderata e ritenuta necessaria per il Gruppo, soprattutto in questo momento, in cui c’è bisogno di una persona forte ed equilibrata che da tempo manca al timone.

Il momento per il Gruppo è veramente delicato, in quanto stiamo decidendo quale strada intraprendere. Ci troviamo di fronte ad un bivio e troppe volte nel passato sono stati scelti percorsi sbagliati che hanno portato a ripensamenti e quindi a perdite di tempo.

In questo momento FISPS-Fvg può dirsi forte: al proprio interno c’è voglia di fare, ci sono persone disponibili ad offrirsi con tempo e capacità, senso del gruppo e soprattutto rispetto per gli altri.

Tutte condizioni basilari per vivere bene l’associazionismo e conseguire importanti risultati, forse mai raggiunti neppure nel passato. Troppo tempo siamo stati alla porta a guardare, troppe volte non abbiamo osato o non abbiamo saputo valorizzare e sfruttare i nostri punti di forza.

Nell’incontro di domenica ho visto molto coinvolgimento ed interesse da parte di ognuno. Ora che possiamo dire di conoscere molti dei nostri pregi e difetti quelle parole devono tradursi in risultati concreti.

Riuniamoci intorno al nuovo Presidente, che già di per sé raccoglie un buon numero di consensi, costruiamo una squadra di consiglieri ed un team di lavoro a supporto per portare avanti, tutti insieme, i molti progetti che ci prefiggiamo di portare a termine.

Non ci devono essere soci di serie A e di serie B!

Volutamente, ieri sera, è stato scelto dai presenti di eleggere soltanto il Presidente perché ci si possa ritrovare tra qualche settimana con una maggiore partecipazione da parte di tutti gli associati con persone provenienti da tutti i poli sciistici ed insieme decidere questo nuovo consiglio. Ieri sera è stata abbozzata una lista di candidati, formata da coloro fra i presenti che si sono offerti, ma chiaramente anche lo stesso Roberto auspica che le candidature siano maggiori, affinché ci sia per il gruppo non solo una maggiore possibilità di scegliere ma anche una maggiore condivisione degli oneri connessi allo svolgimento degli incarichi associativi.

Credo che vivere il gruppo significa accettarsi, aiutarsi, confrontarsi e molte volte scendere a compromessi. Mai come ora queste qualità devono emergere tutte assieme!

Tutti assieme dobbiamo pensare al futuro del Gruppo e non cancelliamo 30 anni di storia. Piuttosto, insieme tracciamo nuovi orizzonti e scriviamo altre pagine di questo libro che lasceremo ai nostri figli.

Non cancelliamo nulla, non nascondiamo nulla. Alla prossima convocazione rispondiamo tutti, con slancio, senza pensarci: “Ci sarò!” ed il contributo di ognuno sarà certamente importante!