La sveglia suona, oggi è sabato 21 novembre 2009. L’emozione è forte, dopo mesi di lavoro, notti in bianco a pensare, creare e costruire questo progetto, tenacia nel credere in questa iniziativa, contatti su contatti con i dirigenti scolastici , oggi è il giorno della verità: il riscontro dei diretti interessati ossia i ragazzini delle scuole medie e, ironia della sorte, debuttiamo in una città di mare a Grado, con due lezioni, per un totale di circa una sessantina di allievi.

Questo progetto sostenuto con grande passione da Nisio, ha trovato in Valente e Bilu due ottimi sostegni e assieme abbiamo concretizzato ciò che poteva sembrare una semplice bella idea.
Trasmettere ai ragazzi il concetto di sciare e divertirsi in sicurezza è stato reso chiaro con una serie di slides e filmati che abbracciano aspetti tecnici sull’attrezzatura e sull’abbigliamento in montagna, il decalogo dello sciatore e il nostro ruolo sulle piste.
La parte più divertente è stata senz’altro quando sono stati immobilizzati i professori, quali presunti infortunati. A conclusione della lezione i ragazzi hanno apprezzato un simpatico depliant riassuntivo sulle nozioni fondamentali per passare una divertente giornata in montagna. Depliant che conserveranno con cura visto che prima di partire per la gita sulla neve, i professori faranno un test per ripassare ciò che hanno imparato oggi.
Per me è stata davvero una giornata emozionante, vedere questi ragazzini attenti, coinvolti dal nostro messaggio, sereni e contenti della nostra presenza, mi ha ripagato di tutto il tempo e i sacrifici spesi per concretizzare tutto questo e i visi di Nisio, Bilu e Valente quando siamo usciti dalla Scuola rispecchiano senz’altro il mio pensiero.
Se per noi è stata “buona la prima”, ci aspettiamo di dare alla Fisps un’ottima opportunità di farsi conoscere, quale Federazione attenta a supportare il mondo scolastico, al fine di aiutare bambini e ragazzi ad essere coscienziosi sulle piste da sci.

(di Gabriella Culotta)