Dopo il brutto incidente accaduto in allenamento giovedì scorso al vice presidente dello Sci Club 70 e segretario del Comitato regionale della Fisi di Trieste Alessandro Messi, non è andata meglio durante lo svolgimento delle gare ufficiali dei campionati nazionali Master a Piancavallo. Sabato scorso FISPS operava con 2 squadre composte da 2 soccorritori in due servizi gara e 3 soccorritori in servizio ordinario per il rimanente demanio sciabile di Piancavallo.

Per le squadre di soccorso Fisps e per il medico Fmsi (Federazione Medico Sportivo Italiana) che operavano durante il primo giorno di gara è stata una giornata molto impegnativa. Capita raramente dover intervenire per più di un incidente a gara ed addirittura sospendere la competizione. Per il secondo incidente si è reso infatti necessario l’intervento dell’elisoccorso che, grazie alle condizioni meteo, è potuto arrivare a supporto dei soccorritori.

Domenica ancora 2 incidenti in gara, i soccorritori sono dovuti intervenire per un trauma facciale e la seconda volta per una frattura esposta tibia-perone.

Nonostante le difficoltà accorse durante le sessioni di allenamento e di gara, l’ottima organizzazione ha permesso il proseguimento della competizione agonistica, sospesa per più di un’ora, e la conclusione della stessa. Risulta essere l’ennesima conferma di come sia importante prevedere un servizio di soccorso adeguato, in grado di poter prontamente intervenire in caso di necessità. E’ oramai da anni che la macchina organizzativa comprende anche il coinvolgimento della Federazione Italiana Sicurezza Piste Sci (FISPS) che attraverso i propri associati, facilmente riconoscibili in pista con la classica divisa arancione fosforescente, garantisce un intervento veloce e professionale.

FISPS augura a tutti i traumatizzati una pronta guarigione e spera di rivederli presto in pista con lo spirito che li contraddistinguono ovvero di atleti amanti dello sport e delle sane competizioni!