Sabato 27 febbraio 2010 è stato aggiunto un altro tassello al progetto Scuola “Divertirsi in sicurezza sulla neve”. Complice una splendida giornata di sole in vetta al monte Lussari e una squadra di scalmanate giovani marmotte dello Sci Club XXX Ottobre di Trieste con al seguito i loro genitori, l’Aineva (Associazione Interregionale Neve e Valanghe) rappresentata del Dott. Filaferro e i suoi simpatici colleghi ha coinvolto appassionatamente tutti, dai più piccoli ai più grandi, in una lezione di nivologia.

Una lezione fantastica, dove è stato spiegato in modo pratico perché chi vuole praticare lo sci alpinismo non deve andare mai da solo e deve portare con se tre attrezzature ARVA, sonda e pala. I tre esperti di AINEVA si sono poi divisi in tre gruppi di lavoro cosi le giovani marmotte usando la sonda hanno imparato che la neve forma degli strati di vario spessore e consistenza, mentre con la pala hanno scavato una buca assieme ai tecnici, cosi hanno visto con gli occhi e tastato con le dita questi strati della neve, infine con una lente d?ingrandimento hanno ammirato la bellezza dei fiocchi, ovvero dei cristalli di varie forme. I più piccoli (5-6 anni) esausti si sono fatti costruire dal Dott. Filaferro un divano di neve su cui si sono seduti e da li, mentre gli venivano mostrati termometri e bilancini hanno iniziato a dare i numeri, quanto pesa la neve? quale temperatura ha la neve in profondità? e cosi via. In fine scendendo per la Pista di Prampero, sostando sul bordo della pista i bimbi hanno potuto osservare i risultati di una piccola valanga scesa alcuni giorni prima.

Non pensate sia finita qui, salutati gli esperti Aineva i nostri piccoli sciatori si sono cimentati in una simulazione in cui un loro compagno caduto a terra, riportava un trauma ad un ginocchio , cosi hanno inscenato la messa in sicurezza dell’area , la chiamata ai soccorsi e poi i nostri soccorritori Fisps di Tarvisio hanno potuto dimostrare come avviene l’immobilizzazione di un arto, il caricamento sull’akia e per lo sfortunato Federico un bel trasporto in akia.

Una lezione davvero entusiasmante, il nostro Presidente intende promuovere anche questo ramo del progetto Scuola, in quanto, in un mondo dove gli incidenti causati dagli ignoranti della montagna sono all’ordine del giorno, infondere la cultura del corretto approccio della montagna in inverno, sin da piccoli, aiuterà a crescere ragazzi più responsabili e pertanto questo progetto va sostenuto per instillare il rispetto e la sicurezza sulla neve.

Ringraziamo l’Aineva per la preziosa collaborazione e il Direttore del Polo di Tarvisio, Alex Spaliviero per averci ospitato e consentito di dare il via a questa importante iniziativa.

(di Gabriella Culotta)